News

News


Ticino: abrogata Legge sulle imprese artigianali (LIA)

08/11/2018
Pronta un’iniziativa parallela per la creazione di un albo che rispetti le norme di legge

Dopo un dibattito fiume iniziato già lunedì sera, la Legge sulle imprese artigianali (LIA) sarà abrogata.
La decisione è stata presa con 42 voti a favore, 30 contrari e 9 astensioni, dopo un'intensa discussione che ha visto il Parlamento spaccarsi tra chi intendeva ripartire da zero e altri che auspicavano il salvataggio di "quanto di buono" ha permesso la norma in vigore dal 2016. Al momento del voto si è visto un fronte quasi compatto a favore dell'abrogazione, un fronte composto da PLR, Lega, La Destra e i Verdi, in opposizione a PPD e PS quasi altrettanto compatti.
Vari deputati e gruppi politici hanno segnalato gli "effetti collaterali" positivi della norma poi abrogata, come il pagamento dell’IVA e degli oneri sociali e il censimento delle ditte attive locali confederate e straniere, oltre a far emergere un sommerso imprevisto, ha permesso di registrare oltre 4'000 aziende, ben oltre il doppio del previsto. Certo è che i problemi di concorrenza sleale, attività in nero, scarsa sicurezza sul lavoro e così via, non sono ancora risolti.
Alla fine dell’ampio di battito si è scelto di dare seguito al rapporto di maggioranza stilato da Amanda Rückert (Lega) e Lara Filippini (La Destra), con il quale si cancella una legge molto discussa. Sempre Amanda Rückert ha segnalato che è pronta un’iniziativa parallela per la creazione di un albo che rispetti le norme di legge.




          Invia tramite Email